Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Paesaggi piante e nuvole

"Paesaggi piante e nuvole", è il titolo della mostra di arte contemporanea degli artisti Marco De AngelisedAlessandro Antonucci, ospitata nello storico Palazzo Dorotea, a Villetta Barrea. Si tratta di due artisti accomunati da una lunga ricerca artistica e da una sottile affinità che li vede impegnati sui temi della natura e del paesaggio, con declinazioni che spaziano dalla pittura all'incisione, dalla scultura al bassorilievo in terracotta.

L'inaugurazione della Mostra di arte contemporanea è prevista per sabato 27 luglio 2019, alle ore 18,con la presenza degli artisti, della curatrice e del Sindaco del Comune di Villetta Barrea.

La mostra resterà aperta fino al 31 agosto. Info su orari e giorni di apertura mostra 340 3174515 - 348 8255140

Nel corso dei mesi estivi nel Palazzo Dorotea si alterneranno molteplici eventi: momenti di approfondimento sull'arte contemporanea, presentazione di libri, incontri.

Gli artisti

Interesse principale di Marco De Angelis è lo studio e l’esperienza del limite: partendo dal tratto stilistico di tipo tonale (nel senso di condensazioni successive di colori e di segni, ma anche di tecniche differenti sovrapposte), l’artista giunge alla scomposizione-trasformazione dell’oggetto rappresentato. Si ha lo “sfaldamento” della linea di confine, del margine segnato e definito dalla matita e la fuoriuscita del colore, all’esterno, in quella zona intermedia tra gli oggetti. Zona di nessuno, di passaggi e di contaminazioni: la sfocatura qui non è solo opacità dell’immagine, ma pone l’osservatore dinanzi ad un nuovo contenuto che dà accesso ad una dimensione altra.

Momento rilevante è dunque il passaggio, inteso come paesaggio, spazio e tempo in cui accadono cose: siamo nella terra di mezzo, luogo di confine, di approdi e derive, nella linea di demarcazione tra i mondi della dualità più elementare: esterno e interno, dentro e fuori, passato e presente, in una dimensione sospesa tra il sogno ed il reale.

Parallelamente, la ricerca di Alessandro Antonucci è legata ai temi della natura, fonte di ispirazione continua e luogo di vita privilegiato. L'artista guarda alle dinamiche fisiche e chimiche della materia, alla sua capacità di ricostituirsi in forme imprevedibili, guidata semplicemente da una sensibilità operativa che ne favorisce l'espressione più intima. Da qui provengono le serie dei paesaggi, le intimità delle foglie e le impressioni vegetali, dove le sedimentazioni della natura vengono formate dal gesso alabastrino, dalla terracotta e dal cemento bianco. In questa mostra l'artista presenta una sintesi della ricerca degli ultimi anni, con opere che evidenziano il rapporto inscindibile uomo-natura, ora più che mai necessario per riappropriarsi di una dimensione di equilibrio ed armonia.

Il Palazzo Dorotea.

Lo storico palazzo di Villetta Barrea, in cui Leonardo Dorotea animava le riunioni segrete della carboneria dell’Alto Sangro, da diversi anni ospita eventi (mostre, incontri, convegni) organizzati dall’Associazione Futuro Remoto. Fra questi la Mostra “Futuro Remoto” sull’artigianato artistico abruzzese, attiva nel primo decennio del duemila, mentre più recentemente, nell’estate 2018, la mostra “Popoli e Terre della lana” di Abruzzo Avventure, ospitata a Matera per questo Anno della Cultura, le Rassegne annuali di Spazio Bianco in collaborazione con il Comune di Villetta Barrea.

 


Pubblicato il 26 luglio 2019