Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Muore d'infarto dopo aver investito una ragazza. Il comunicato dell'AIDA

Associazione Insieme per i Diritti degli Anziani  
Comunicato Stampa

Il dramma della morte del Sig. Pasquetti Bruno su Viale della Croce Rossa.

E’ con molto dispiacere che L’AIDA L’Aquila sente il dovere di intervenire pubblicamente, a distanza di qualche giorno, su circostanze che vedono coinvolte persona anziane.
A seguito di un incidente stradale, che rientra ormai nella norma quotidiana e sulle cui cause e dinamiche saranno i competenti organi ad esprimersi. 

Il tema sul quale è imprescindibile soffermarsi riguarda invece la sfera della sensibilità e della fragilità di una persona anziana di fronte non già alla responsabilità di natura giuridica ma morale per l’eventuale danno procurato alla persona. 

Il comportamento, doveroso, corretto ed esemplare del Sig. Pasquetti, che ha cercato di soccorrere e non di fuggire, come talvolta accade, dovrà restare di esempio per tutti. Il senso di estrema responsabilità è prevalso: in circostanze di stress che nessuno può immaginare, quest’uomo ha atteso i soccorsi con le estreme conseguenze che ormai tutti conosciamo.
Il Sig. Bruno per la nostra associazione è esempio fulgido dell’amore che gli anziani nutrono per il prossimo, in particolare per i giovani, nella fattispecie rappresentati dalla ragazza oggetto del sinistro, a cui va l’augurio di una pronta guarigione.

Le persone anziane, del resto, conoscono il valore della “VITA” e proprio la nostra associazione raccomanda e pubblicizza, dove e quando può, questo valore, come accaduto in occasione di un recente evento che ha visto coinvolti  alcuni studenti del Liceo Classico, ai quali, proprio con riferimento al valore della vita, sono state citate le parole della Mannoia: “che sia benedetta”.
Il Sig. Pasquetti Bruno ha perso la vita per il gran dolore e per questo l’AIDA, assolutamente riconoscente, non esita a definirlo un “eroe”.


Pubblicato il 12 marzo 2018