Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Lives in limbo: Trapped in Belgrade

Lives in limbo: Trapped in Belgrade Il progetto fotografico sulle migrazioni di Francesco Pistilli a Sulmona dal 3 al 10 novembre 2018

Inaugura sabato 3 novembre presso lo Spazio MAW alle ore 17,30 la mostra LIVES IN LIMBO|TRAPPED IN BELGRADE di Francesco Pistilli. Giunge così a Sulmona il progetto sulle migrazioni iniziato circa otto anni fa dal fotoreporter che con questo capitolo dedicato alla vicenda dei profughi della “rotta balcanica” bloccati in Serbia nell’inverno del 2017 ha vinto quest’anno il secondo premio  all’ “International  Photographer of the Year Awards” (Editorial photo essay/story) ed il terzo posto al “World Press Photo” (General News Story).

La mostra, promossa da SulmonaCinema in collaborazione con il Laboratorio d’arte MAW e il Collettivo fotografico Capta, a cura di Italia Gualtieri e Rino Di Pietro, costituisce uno degli eventi collaterali dell’imminente 36° SIFF/ Sulmona International Film Festival al quale si collega come ideale prologo visivo.

Il lavoro di Francesco Pistilli ha la dimensione di un impegno rigoroso sul terreno dell’informazione ma il profilo penetrante di un racconto che scopre un altro sguardo. Nato nel limbo senza fine di una umanità abbandonata, costruito con il colore, dispositivo irrinunciabile nella poetica dell’autore, è il documento di un incubo e allo stesso tempo un poema per coloro che i media mainstream non lasciavano ‘vedere’, a condensare un’idea di fotogiornalismo in cui lo scatto è spazio di esistenza-parola offerto all’oggetto della rappresentazione.

‚ÄúSono persone ed esistenze queste immagini, uniche, proprie. Estratte dall’indistinto di una vicenda corale, svelano la prossimità profonda di un fotografo che profondamente ama, restando intrappolate, e con loro un dramma che ci riguarda, nella coscienza e nel cuore. (I.G).”

Vi aspettiamo


Francesco Pistilli è un fotografo italiano e videographer (Sulmona, 1982). Il suo lavoro è stato pubblicato e distribuito su numerose riviste internazionali e nazionali. Attualmente si occupa di reportage inerenti contenuti politici, sociali e ambientali lavorando in Sierra Leone, Repubblica Centrafricana, Sudan, Filippine, India, Brasile, Palestina, Costa Rica, Uruguay, Egitto, Ungheria, Grecia, Argentina, Indonesia e Turchia. Dal 2008 viaggia in America Latina, Africa e Asia e lavora per riviste e ONG come fotografo e videomaker.

Francesco ha ricevuto una laurea in Fotogiornalismo da Contrasto. Le sue opere sono state pubblicate da: TIME, New York Times, BBC, M le Magazine du Monde, L'Espresso, Internazionale, Politico, Wired, Elle, D di Repubblica, Vanity Fair, Corriere della Sera, Expressen, Grazia, L'edizione del Soir, la rivista OneWorld, la rivista TRVL, Repubblica.it, Tico Times, Euroasianet. E’ membro di Capta, un collettivo di fotografi, giornalisti e editor fondato con l’intenzione di usare la fotografia come uno strumento per aumentare la consapevolezza e preservare così una visione personale e allo stesso tempo ampia del fotogiornalismo.


Pubblicato il 5 novembre 2018