Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

L’ospedale San Salvatore accoglie una nuova sede dell’associazione Avulss.

Da www.abruzzoweb.it

L’associazione da anni si occupa di assistenza a malati e persone bisognose di cure e assistenza. Oggi conta circa 35 volontari che prestano la propria opera all’interno dell’ospedale, nelle case di riposo e a domicilio.

Una sede in ospedale rappresenta una “postazione importante per noi volontari che operiamo molto spesso in ospedale ma anche come presenza per chi eventualmente voglia contattarci come paziente o come volontario”, come ha precisato la presidente dell’Avulss L’Aquila, Luisa Vitturini.

In effetti, all’interno dell’ospedale è possibile trovare un punto di riferimento stabile e a disposizione di tanti malati e dei loro familiari.

Ad evidenziare la già consolidata soddisfazione da parte dei malati assistiti e delle loro famiglie è intervenuto direttamente il direttore generale della Asl Rinaldo Tordera, il quale, in merito all’opera interna all’ospedale svolta dai volontari Avulss, ha sostenuto che “se loro non ci fossero, parimenti a quello che potremmo dire per i medici e per il personale sanitario, sicuramente la qualità della prestazione che gli ospedali nella nostra azienda devono dare ne risentirebbe in maniera evidente”.

La presidente Luisa Vitturini ha poi parlato dei volontari Avulss: le caratteristiche personali essenziali, oltre alla maggiore età, sono “una grande sensibilità, buona volontà e correttezza”.

In quanto alla professionalità e le competenze, è l’associazione ad occuparsene organizzando il corso-base per l’accesso all’associazione e allo svolgimento delle attività. Il corso inizierà il prossimo 16 ottobre 2018, avrà la durata di 2 mesi e prevede 2 lezioni a settimana. I formatori sono medici ospedalieri, psichiatri e psicologi.

Frequentato il corso, i volontari saranno parte dell’associazione e potranno iniziare l’attività di assistenza che prevede l’impegno di una o due ore a settimana e la scelta personale fra i turni domiciliari o in ospedale.


Pubblicato il 19 settembre 2018