Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Il cibo è donna. Quel sapore antico che nutre il mondo

Storia, tradizioni ed enogastronomia hanno caratterizzato, sabato, il viaggio di 380 passeggeri sulla “Transiberiana d’Abruzzo”.  Il Dopolavoro ferroviario di Sulmona - l’Aquila ha organizzato una corsa lungo la tratta, ormai dismessa e consegnata alla storia, Sulmona-Roccaraso dal sapore rosa. 

“Il cibo è donna. Quel sapore antico che nutre il mondo” è stato il sottotitolo della giornata-evento nel corso della quale c’è stato spazio anche per la riflessione sul dramma della violenza contro le donne e sul femminicidio. Il treno, partito alle 9:30, ha fatto tappa nelle stazioni di Campo di Giove, Palena e Roccaraso. In ciascuna sosta, scarpe e nastri rossi a testimoniare la vicinanza ad una tematica di così stringente attualità.

La corsa storica ha visto la collaborazione dell’Istituto alberghiero “De Panfilis” di Roccaraso, che ha curato il servizio di degustazione a bordo treno e nelle fermate intermedie e infine il pranzo all’arrivo a Roccaraso, nei saloni stessi della scuola. A dare il benvenuto ai passeggeri, giunti da ogni angolo d’Abruzzo, ma anche da fuori regione, Lazio e Marche in testa, una colazione con piccola pasticceria, tè e caffè a cura degli studenti dell’alberghiero. Poi intrattenimento musicale, con canzoni popolari tradizionali, e approfondimento storico una guida turistica che ha illustrato ai passeggeri la storia dell’antica tratta ferroviaria e anche le bellezze paesaggistiche e naturalistiche incontrate nel corso del tragitto.

Prima sosta a Campo di Giove, visita di una mostra fotografica “Binari senza Tempo” a cura di Andrea Di Gregorio, Ivano D’Ortenzio, Claudio Rico e Ninoska Valenza, con degustazione di vin brûlé e cioccolata calda e stand di piccolo artigianato locale; seconda tappa a Palena, con aperitivo in stazione; infine l’arrivo a Roccaraso.

Soddisfatta della riuscita dell’evento la presidente del DLF di Sulmona, Franca Festa. “Questa corsa del treno storico Sulmona-Roccaraso”, ha commentato, “è stata un evento nell’evento, perché alla possibilità di godere della bellezza di viaggiare su un treno storico, su una tratta ferroviaria storica, si è aggiunta la possibilità di vivere una giornata segnata da momenti di riflessione storica e di attualità oltre che da un piacevole “accompagnamento” gastronomico a cura dell’Istituto alberghiero “De Panfilis” di Roccaraso che ha riservato a tutti gli ospiti una splendida accoglienza. Colgo l’occasione per ringraziare in modo particolare i ragazzi e gli  insegnanti dell’Istituto alberghiero “De Panfilis” con i quali si è creata una straordinaria sinergia e tutti coloro che hanno collaborato con il DLF per l’organizzazione e la riuscita di questo bellissimo evento”.

Dopo il pranzo i passeggeri sono risaliti sul treno per il rientro a Sulmona, assaporando ancora una volta le bellezze naturali dell’Abruzzo interno.


Pubblicato il 11 marzo 2019