Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Giornate FAI d’Autunno, edizione 2020

A Giulia Maria Crespi, scomparsa lo scorso luglio, è dedicata l’edizione 2020 delle Giornate FAI d’Autunno: mille aperture a contributo libero in 400 città in tutta Italia, organizzate per la prima volta in due fine settimana, sabato 17 e domenica 18, sabato 24 e domenica 25 ottobre.

I Volontari FAI scenderanno in piazza e accompagneranno il pubblico, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, alla scoperta di luoghi normalmente inaccessibili, poco noti o poco valorizzati in tutte le Regioni.

Il Gruppo FAI Sulmona-Tre Valli aprirà ai visitatori nei giorni 17 e 18 ottobre, il Borgo di Pacentro, uno dei Borghi più belli d’Italia, in un itinerario suggestivo lungo le stradine tortuose e i sottopassi, tra palazzi importanti e antiche chiese fino a raggiungere il castello medievale dei Caldora. Verranno mostrati aspetti poco conosciuti, luoghi chiusi o inaccessibili aperti solo durante le Giornate FAI.

Di seguito alcune aperture straordinarie o poco note:

La vecchia casa di "Marlurita la guaritrice", un luogo della memoria che racconta, con un impatto visivo molto forte "come si viveva una volta" nei piccoli centri rurali dell'entroterra appenninico; il Pastificio Morronese, sito di Archeologia Industriale del XIX secolo, chiuso nel 1949; il Convento dei Frati Minori Osservanti del XVI secolo, con il bel chiostro; il “Grande Presepe” di Casa Colarossi con le statuine originali dei primi del 900 del maestro Avolio. Gli iscritti al FAI potranno inoltre visitare la Casa Signorile della Famiglia Simone, agiati proprietari terrieri, che lo fecero erigere nel corso del secolo XIII.

Il 24 e 25 ottobre i visitatori saranno accompagnati in una escursione sul “Sentiero del Cuore” a Scanno, per godere in tutta sicurezza e tranquillità lo spettacolo del Lago a forma di Cuore tra il foliage autunnale.

Nel pomeriggio saranno accompagnati in una passeggiata nel bellissimo centro storico con un narratore che ci condurrà alla visita di due luoghi straordinari: il “Museo della Lana e del mondo pastorale” che custodisce oggetti della vita quotidiana a Scanno nel periodo compreso tra il 1880 e il 1930. Scopriremo la vita legata al mondo pastorale che ne condizionava i tempi e le abitudini. Un viaggio affascinante.

Per gli amanti della fotografia naturalistica visiteremo la Mostra “Un salto in montagna” presso lo spazio espositivo “La Volta delle Idee”- Il Palazzo, dedicato alla montagna e alla rete sentieristica scannese.

Le giornate FAI vedranno coinvolti gli studenti delle Classi V A e V C del Liceo Classico Ovidio come “Apprendisti ciceroni”, il progetto del FAI che ha come finalità la sensibilizzazione dei ragazzi al patrimonio storico ed artistico anche poco conosciuto del proprio territorio. Integrando conoscenze teoriche con un’esperienza pratica altamente formativa. Le visite sono a contributo con prenotazione online su www.giornatefai.it .


Pubblicato il 14 ottobre 2020