Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Dalla parte del torto, mostra fotografica di Arpino Gerosolimo

Sabato 25 maggio il Laboratorio d’arte MAW, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, presenta la mostra fotografica DALLA PARTE DEL TORTO di Arpino Gerosolimo, a cura di Italia Gualtieri con testi  in catalogo di Franco Cercone, Angelo Figorilli e Massimo Pacifico. L’esposizione, che raccoglie venti fotografie inedite in bianco e nero scattate tra il 1976 ed il 2002, propone temi che hanno attraversato la società italiana di quegli anni aprendo ad una riflessione sul ruolo della memoria.

Interverranno: Franco Cercone, Demoantropologo, Angelo Figorilli, Caporedattore Esteri del Tg2, Massimo Pacifico, Giornalista e Fotografo, Manuela Cozzi, Assessore alla Cultura del Comune di Sulmona, Domenico Taglieri, Presidente Fondaq s.r.l.

Lettura di testi poetici di Valter Marcone.

“Molti si chiederanno perché un titolo “storto” per la mia mostra” - scrive l’autore  - “I miei scatti sono sempre stati determinati dal cercare di capire gli altri, i diversi, gli emarginati, quelli “sbagliati”. Nei decenni ho maturato l’idea che bisogna “esserci”, bisogna schierarsi sempre dalla parte del “torto”.

Così lo sguardo di Arpino Gerosolimo, che non si è mai ritenuto un fotografo ma un utilizzatore della fotografia per il bisogno di testimoniare una scelta, documenta i sogni e i fermenti degli anni delle utopie, il meridione ancestrale che sopravviveva alla modernità, i perdenti di uno sviluppo che avanzava. Ne cattura ed oggi ci ri-consegna i segni, che una società sempre più normativa e brutale ha cancellato: i manicomi “liberati” della stagione dell’antipsichiatria, i riti ‘magici’ ed identitari del suo Abruzzo, la solitudine delle vittime, quelle dei disastri per mano dell’uomo, il terremoto di San Giuliano di Puglia, l’alluvione della Valtellina, la guerra nei Balcani.

Un lavoro, quello di Gerosolimo, che colpisce per la sua verità ed una mostra molto particolare per la linea che cerca di stabilire tra vissuto e ricordo, tra il tempo attuale e le sue radici: “Venti fotografie con il sapore forte del tempo” – si legge nel testo della curatrice – “finiscono per mostrare il passato e il presente, tentano una comunicazione. Sono un album da sfogliare per ritrovare un tempo individuale e quello di una generazione ma muovono la possibilità di una dialettica necessaria e dimenticata”.

L’inaugurazione della mostra si terrà sabato 25 maggio alle ore 18,00 nel giardino dell’ex Caserma U. Pace in via G. Pansa a Sulmona.

La mostra sarà visitabile fino a sabato 1 giugno dalle 10,00 alle 12,30 e dalle 17,00 alle 20,00.


Arpino Gerosolimo ha scritto e fotografato per quotidiani, periodici, riviste e volumi. Suoi articoli e fotografie sono apparsi, tra gli altri, su Il Messaggero, L’Unità, Paese Sera, Il Manifesto, Panorama, L’Espresso, Avvenimenti, Left, Rivista della Montagna, Qui Touring, D’Abruzzo, Rivista Abruzzese, Molise Oggi. E’ autore in molti volumi collettanei che vanno dall’antropologia all’enogastronomia e all’ambiente. Per i testi ha curato la guida del Gambero Rosso sull’Abruzzo del 1999. E’ autore del portfolio fotografico in bianco e nero “Gente del Molise” uscito nel 2011. Nel 2016 ha partecipato con sue fotografie alla mostra “Il cibo - Uno scatto” promossa dall’Accademia Italiana di Cucina - Delegazione di Isernia.

Attualmente collabora con Alias, settimanale di cultura de Il Manifesto.


Pubblicato il 21 maggio 2019