Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Da Sulmona e dall’Abruzzo a Roma per il clima

Sabato 23 marzo alle ore 14:00 a Roma è convocata una grande manifestazione nazionale per la difesa del clima e contro le grandi opere inutili e imposte.

Dall’Abruzzo partiranno vari pullman rappresentativi delle varie lotte in difesa del territorio: da Sulmona e dalla Valle Peligna porteremo la testimonianza della “nostra” battaglia contro la centrale e il metanodotto Snam!

La manifestazione di sabato è stata convocata da comitati, movimenti, associazioni, reti e singoli che da anni si battono contro le grandi opere inutili ed imposte, la petrolizzazione, l’inquinamento delle acque e dell’aria e per l’inizio di una nuova mobilitazione contro i cambiamenti climatici e per la salvaguardia del Pianeta.  Il modello di sviluppo legato alle Grandi Opere non è solo sinonimo di spreco di risorse pubbliche, di corruzione, di danni alla salute, di devastazione e saccheggio dei nostri territori e dei nostri diritti, ma è l’incarnazione di un modello di sviluppo che ci sta portando sul baratro della catastrofe ecologica.

Il cambiamento climatico è uscito dai libri e dai documentari ed è venuto a bussare direttamente alla nostra porta di casa ed in modo drammatico. La mancanza di manutenzione delle infrastrutture, la corruzione, le energie fossili e la cementificazione selvaggia seminano morti e feriti ad ogni temporale, ad ogni ondata di maltempo, ad ogni terremoto.

Il cosiddetto “governo del cambiamento “, in continuità con i precedenti, non sta tenendo fede ai propri impegni elettorali miranti all’inversione di rotta sul cambiamento climatico e sullo stop alle grandi opere.

La responsabilità di rispondere al cambiamento climatico è collettiva ed interroga i comportamenti di ognuno di noi, ma siamo convinti che forti segnali di cambiamento debbano venire dalle scelte dei governi dei paesi più ricchi.

Inoltre, dal risanamento del territorio – unica vera grande opera inutile e imposta necessaria in Italia – e  dalla riconversione ecologica si verrebbero a creare il triplo dei posti di lavoro rispetto alle attività legate ai fossili e dalla privatizzazione dei servizi e dei beni comuni come l’acqua. Facciamo pesare la nostra indignazione, partecipiamo ed organizziamoci per portare a Roma le nostre battaglie.

Con questo spirito a Roma parteciperemo con le nostre bandiere verdi contro il progetto Snam “Rete Adriatica” e con lo striscione di apertura della storica manifestazione del 21 Aprile 2018 “Stop hub del gas”. La “nostra” vertenza è collegata a tante altre simili in ogni regione d’Italia ed è importante rafforzare la rete di solidarietà. Per questo è importante una massiccia partecipazione dal nostro territorio!

Per prenotarsi è possibile telefonare o scrivere (sms e WhatsApp) ai numeri 3479887930 (Giorgia) e 3471809769 (Riccardo). La partenza è prevista alle ore 10:30 da Sulmona con soste a Pratola Peligna, al casello autostradale di Pratola-Sulmona e ad Avezzano.


Pubblicato il 20 marzo 2019