Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

Ad Avezzano un corso di formazione sulla sindrome di Down

Da www.marsicalive.it

Avezzano. Sarà una mattinata dedicata all’approccio multidisciplinare alla sindrome di down in una prospettiva Life-Span: “Il modello Albertini-San Raffaele” quella che si terrà sabato 17 nel capoluogo marsicano. L’evento, organizzato dall’associazione Aipd Marsica in collaborazione con l’Irccs San Raffaele Pisana, avrà luogo al castello Orsini.

Ecco il programma: dalle 8.30 alle 8.45 si effettueranno le registrazioni. A partire dalle 8.45 il comitato organizzatore presenterà l’evento con Monica Di Giulio, referente autonomie Aipd Marsica ed Emilia Venditti, referente scolastico Aipd Marsica. A seguire interverranno:

Claudia Condoluci, pediatra dell’Irccs San Raffaele Pisana con “Quando c’è la salute…“, Gabriella Di Girolamo, fisiatra dell’Irccs San Raffaele Pisana con “Un progetto per ogni età“, Eliana Buono e Beatrice Vari, logopediste dell’Irccs San Raffaele Pisana con “Non solo parole” e “DOWNload: lasciatemi il tempo per imparare“. La prima parte dell’incontro si concluderà con i saluti di Martina Albertini, presidente dell’associazione Amici di Giorgio Albertini.

Dopo il coffee break, si riprenderà con “Genitori, figli, fratelli…la famiglia“, titolo dell’intervento di Giovanna Orsini, psicologa psicoterapeuta dell’Irccs San Raffaele Pisana. E ancora, Roberto Spalluto, psicologo psicoterapeuta dell’Irccs San Raffaele Pisan con “Divento adulto“. Al termine di questi interventi prenderà la parola Lynda Vitali, genitore, con “Mio figlio è adulto“.

“Si tratta di una giornata di formazione rivolta a familiari, amici, dirigenti scolastici, insegnanti, assistenti, medici, terapisti, istruttori, educatori, operatori. Una formazione necessaria a favorire l’inclusione delle persone con la sindrome di down”. Così Monica Carducci, presidente dell’Aipd Marsica, che concluderà l’evento con i ringraziamenti finali. “Al termine del corso”, continua,”verrà rilasciato un attestato di partecipazione. Conoscere significa guardare oltre e significa contribuire ad offrire un futuro migliore alle persone con un cromosoma in più”


Pubblicato il 14 novembre 2018