Go to content Go to navigation Go to search

home | Bacheca associazioni

37° Sulmona International Film Festival: il programma completo

37° Sulmona International Film Festival – SIFF
6 – 9 novembre 2019
Cinema - Teatro Pacifico (Via Roma 27, Sulmona)

Il festival, giunto alla trentasettesima edizione, si terrà dal 6 al 9 novembre nell’abituale cornice del cinema Pacifico di Sulmona. Anche quest’anno il numero delle iscrizioni è aumentato rispetto alle edizioni precedenti: le opere pervenute nelle varie categorie di concorso sono state 900 e i registi rappresentano ben 80 Stati. In selezione 39 opere, tra corti nazionali, internazionali, animazioni, documentari, video musicali e opere girate in Abruzzo o realizzate da registi abruzzesi.

L’IMMAGINE
A disegnare Ovidio, simbolo della creatività sulmonese ‘adottato’ da anni dal festival, abbiamo invitato un maestro dell’illustrazione come Simone Massi, creatore di mirabili animazioni e manifesti, anche per la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. L’immagine del SIFF 2019 è dunque, come da tradizione, una interpretazione della statua del Poeta di Sulmona. Lo stilo, unico elemento distintivo rispetto al monumento gemello di Costanza, non è presente nell’opera e lascia spazio a un fascio di luce gialla che, oltre a evocare il cono di luce del proiettore cinematografico, ha un significato simbolico che allude all’annullamento del confine tra la scrittura e l’immaginazione, tra il racconto e la sua rappresentazione.

TESSERAMENTO e ADESIONE A TREEDOM
La campagna di tesseramento sociale 2019/2020 di Sulmonacinema è tutta improntata a difendere l’ambiente. Attraverso l’adesione a Treedom, piattaforma web italiana, nata nel 2010 a Firenze, che consente di piantare alberi nel mondo e di seguire online la loro vita, una parte della nostra quota associativa verrà devoluta alla causa per la creazione della foresta di Sulmonacinema. Crescendo, gli alberi assorbiranno CO2 dall'atmosfera e produrranno ossigeno, migliorando l'aria che tutti noi respiriamo. Inoltre, l'ulteriore effetto positivo è che si migliora la vita dei contadini coinvolti nelle attività di Treedom.

CORTOMETRAGGI / PREMIERE
Tra i lavori che vedremo in concorso durante il festival segnaliamo la premiere italiana del corto di animazione SISTER di Siqi Song, la prima europea di DUNYA’S DAY di Raed Alsemari (vincitore del premio della giuria per i corti internazionali al Sundance Film Festival), le prime internazionali di BALLOON di Jeremy Merrifield (finalista allo STUDENT ACADEMY AWARD) e FLORENCE di Emanuele Daga (prodotto dall’AFI CONSERVATORY); la prima mondiale di DOVE SI VA DA QUI di Antonello Schioppa (regista abruzzese). Ci saranno anche CADOUL DE CRACIUN di Bogdan Muresanu (Vincitore del Clermond Ferrand International Short Film Festival e attualmente nella cinquina degli European Film Awards) e THE VAN di Erenik Beqiri, che ha concorso per la palma d’oro al Festival di Cannes 2019.

LE TRE GIURIE
La giuria principale del 37° Sulmona International Film Festival è composta da tre giovani critici (Benedetta Pini, Davide Sica e Francesca Torre) che valuteranno le opere appartenenti alla categorie National, International, Animation e Documentary Short Films; a Roberto “Saku” Cinardi e Giacomo Triglia (entrambi registi di videoclip per alcuni degli artisti italiani più noti della scena musicale italiana) e The Niro (cantautore romano) spetterà il compito di giudicare le opere della sezione Music Video; Claudio Del Signore (regista), Germana D’Orazio (giornalista) e Franco Mannella (attore e doppiatore) si occuperanno invece dei cortometraggi ‘abruzzesi’ (Abruzzo Short Films).

PRESIDENTE DI GIURIA
La giuria principale è presieduta dall’attore romano Francesco Montanari, protagonista di film e serie televisive di grande successo come la serie Romanzo Criminale di Stefano Sollima che nel 2008 gli ha dato la notorietà e in cui interpretava il ruolo del “libanese” e, più recentemente, Il cacciatore di Davide Marengo e Stefano Lodovichi, per cui è stato premiato nell’edizione del 2018 del Cannes International Series Festival come miglior interprete maschile.

LUNGOMETRAGGI
Anche quest’anno è prevista la proiezione di tre lungometraggi fuori concorso - uno per ogni sera, alle 21:15. Si tratta di tre feature film che in modo diverso affrontano il tema della lotta, della sfida con il contesto sociale e con se stessi.
Se in “Wrestlove”, a Sulmona in prima mondiale, la lotta è vera e fisica – ancorché temperata dall’elemento spettacolare – e vuole simboleggiare la tensione dei protagonisti verso il successo personale, il famoso ‘sogno americano’, in Martin Eden, versione italiana dell’opera omonima di Jack London, si cambiano contesto, ambizioni e professione ma il concetto rimane sostanzialmente lo stesso: il riscatto, che si ottiene lottando contro pregiudizi e ostacoli. Ne “Il sindaco del Rione Sanità” ossia in Eduardo visto da Martone (evento spaciale Nexo Digital), si combatte per affermare una propria idea di giustizia e per l'affermazione della propria autorità in un contesto difficile di miseria e criminalità.

MERCOLEDÌ 6 NOVEMBRE:
WRESTLOVE – L’AMORE COMBATTUTO, regia di Cristiano Di Felice, con Monica Passeri e Karim Bartoli
PRIMA MONDIALE
SINOSSI: Monica e Karim sono i primi wrestler italiani negli USA. Coppia nella vita e sul ring, viaggiano soli per difendere i loro titoli nei circuiti indipendenti Americani. Durante la permanenza in Abruzzo, rendono omaggio alla statua di Bruno Sammartino – “The Living Legend”, un’icona del wrestling Americano – nella sua città natale, Pizzoferrato. Oltre a difendere i loro titoli, in Italia approfittano per sottoporsi a visite e controlli sanitari, a causa dell’elevato costo delle cure mediche americane. Monica ritrova la famiglia, Karim invece deve fare i conti col suo passato, e il tempo è poco prima di ripartire nuovamente.

GIOVEDÌ 7 NOVEMBRE:
IL SINDACO DEL RIONE SANITÁ, regia di Mario Martone, con Francesco Di Leva, Massimiliano Gallo, Roberto De Francesco, Adriano Pantaleo
Evento speciale Nexo Digital
SINOSSI: Napoli, oggi. Antonio Barracano "sistema le cose" e risolve problemi: gli "ignoranti" che non hanno santi in paradiso si rivolgono a lui perché interceda in loro favore e Barracano, soprannominato "il sindaco", si presta volentieri a fare da mediatore, sulla forza della sua reputazione e del timore che sa incutere anche ai malviventi più incalliti del rione Sanità. Il "sindaco" mette tutto (e tutti) a posto, esponendosi in prima persona, nel ricordo delle ingiustizie subìte da ragazzo, quando era vittima dell'"astuzia che si mangia l'ignoranza".

VENERDÌ 8 NOVEMBRE:
MARTIN EDEN, regia di Pietro Marcello, con Luca Marinelli, Carlo Cecchi, Jessica Cressy e Vincenzo Nemolato
SINOSSI: Nella Napoli dei primi anni del XX secolo il giovane marinaio Martin Eden, proletario individualista in un'epoca squarciata dalla nascita di movimenti politici di massa, sogna di diventare uno scrittore e conquista l'amore di una giovane borghese grazie al suo bagaglio culturale da autodidatta, ma sente che sta tradendo le proprie origini.

EVENTI COLLATERALI
MASTERCLASS “THE EIGHTFUL NINE – Il cinema di Quentin Tarantino”
VENERDÌ 8 NOVEMBRE, ore 10.00 - BIBLIOTECA LICEO SCIENTIFICO "E.FERMI" SULMONA – VIALE TOGLIATTI
Il programma del 37° Sulmona International Film Festival è impreziosito dalla masterclass dedicata interamente a uno dei registi più iconici della storia del cinema. Con un gioco di parole che cita -stravolgendolo - il titolo dell’ottavo film di Tarantino (The Hateful Eight), in questo incontro il critico Davide Stanzione (LongTake) analizzerà la sua filmografia, compreso il nono film “pieno dei precedenti otto” (The Eightful Nine), le musiche che accompagnano e scandiscono il ritmo delle scene, i personaggi indimenticabili che popolano il suo universo creativo, il tributo alle pellicole orientali e al cinema di genere nostrano, gli elementi che hanno concorso a plasmare l’inimitabile tocco pulp, cifra stilistica del suo cinema, tanto amato dal pubblico e dalla critica internazionale.

OLTRE IL CINEMA / ESPOSIZIONI DI ARTI VISIVE
6/9 NOVEMBRE - CINEMA PACIFICO
In collaborazione con il Laboratorio d’arte MAW sono allestite due esposizioni visitabili nei locali del Cinema Pacifico: TRANSIBERIANA D’ITALIA, IMMAGINI, STORIE E SUGGESTIONI del fotografo Luca del Monaco e PAESAGGI DI PROVINCIA, ciclo di acquerelli di Pierluigi Antonucci.
Nel testo, a cura di Italia Gualtieri, pubblicato sul catalogo del festival, si avverte tutto l’amore per l’anima “dell’Abruzzo, icona che cambia ma non si sforma, che muta ma resiste, […] specchio di un sentimento che combatte tra ricordo e speranza, tra serenità e coscienza di una sottrazione. E’ in questo gioco di percezioni che si muove l’arte di Luca Del Monaco e di Pierluigi Antonucci: fotografo, il primo, degli habitat e dell’umanità delle persone; artefice esperto, il secondo, di segni e colori che narrano visioni. E abruzzesi entrambi, innamorati e convinti della propria terra e della sua vocazione.”

CONCERTI / DOPOFESTIVAL
7-8 NOVEMBRE – BIONICO (VICO DEL CARBONARO S.N.C.)
Nell’intima cornice del locale Bionico, nei pressi di Piazza Garibaldi, dopo le proiezioni oltre a degustare ottime selezioni di vini, birre e cocktail d'autore potremo assistere a due concerti di poliedrici artisti:

7 novembre ore 23
CARLO VALENTE, cantautore reatino classe 1990, con il suo disco d’esordio “Tra l'altro” (2014) è entrato nella cinquina per le Targhe Tenco 2017 e con il brano “Crociera Maraviglia”, dedicato alla tragedia dei migranti, ha ricevuto il Premio Amnesty International Emergenti nel Festival “Voci per la libertà”. Autore romantico, eclettico, irriverente ed ironico, scrive canzoni introspettive attente a importanti temi sociali.

8 novembre ore 23
THE NIRO, cantautore e polistrumentista romano, amante della musica di Badly Drawn Boy, Beck e Ed Harcourt, condivide con questi il suo essere one-man-band. A ottobre 2019 ha pubblicato “The complete Jeff Buckley & Gary Lucas songbook” il nuovo album che raccoglie cinque canzoni inedite.
THE NIRO eseguirà HOMEMADE VOL.1 Il nuovo ep digitale uscito il 26 ottobre per La Fabbrica etichetta indipendente. In questa raccolta si colgono le sue sfumature più malinconiche. I brani sono stati registrati nell’intimità della sua casa e vedono come elemento portante la chitarra classica.

Catalogo SIFF 2019 [8,8MB]


Pubblicato il 30 ottobre 2019